In un'atmosfera d'altri tempi, potete trovare ambienti d'incontro per la cultura e l'ospitalità, all'interno di un antico convento ristrutturato ed attrezzato con le più moderne tecnologie

Il Centro ospita gruppi, singoli e famiglie, offrendo loro la possibilità di soggiornare in un ambiente riservato e sereno nel centro storico di Venezia, proprio dietro alle Gallerie dell’Accademia, con un affaccio diretto anche alle Zattere sul Canale della Giudecca.

L’intero complesso si sviluppa attorno a tre chiostri settecenteschi ed ad un chiostro quattrocentesco con annessa la Chiesa di Santa Maria della Visitazione; per la sua vastità, la sua architettura, i suoi giardini ed il suo silenzio, rappresenta un’oasi all’interno della città: qui anche gli ambienti parlano, creano atmosfera e suscitano emozioni.

Il nostro video...

Vi farà scoprire le meravigliose atmosfere,
l’incredibile patrimonio artistico
del Centro Culturale Don Orione Artigianelli
e la magia di Venezia.

In città

alt
February 01, 2017

Dall'11 al 28 febbraio la città si anima di maschere e di dolci tipici. Venezia diventa il palcoscenico in cui arti, mestieri e tradizioni tornano ad essere protagonisti.

Buongiorno Siora Maschera era il consueto saluto dei veneziani durante il periodo del Carnevale, quando identità personale, sesso e status sociale scomparivano sotto l’incantesimo dei mascheramenti. Almeno fino al 1797, anno in cui la Repubblica Serenissima cade sotto il dominio francese, i veneziani indossavano la maschera non solo nel periodo del Carnevale - dal giorno di Santo Stefano, antica data di inizio del Carnevale di Venezia, fino alla mezzanotte del Martedì Grasso - ma anche durante gran parte dell’anno. In occasione delle feste ufficiali più importanti, era ammesso l’uso di tabarro e baùta. Alla metà del Settecento, in molti quadri, i pittori Pietro Longhi e Gabriele Bella offrono una testimonianza di questa tradizione, lasciando chiaramente comprendere perché indossare la maschera fosse così popolare tra i veneziani. (Museo Querini Stampalia e Ca' Rezzonico)

http://www.carnevale.venezia.it

alt
November 22, 2016

Il Centro Culturale Don Orione Artigianelli, a conclusione della mostra Rivus altus ospitata negli ultimi due mesi presso il chiostro quattrocentesco, ha ricevuto un bellissimo regalo da parte dei membri della famiglia Boga, attraverso la loro Fondazione  www.thebogafoundation.it, che hanno esposto, all’interno della mostra fotografica dell’architetto Massimiliano Farina, la serie di sculture da loro ideata chiamata Homini: “profilo di esseri benevoli che, stilizzandosi e svuotandosi, inquadrano ed accolgono ciò che è loro intorno” (come li ha definiti il giornale Panorama sul numero in edicola questa settimana – 23 novembre 2016).

Ma torniamo al fantastico dono ricevuto, potete ammirare qui sopra L’accoglienza”, la Santità di Don Orione, che accoglie tutti i più piccoli con un fiore in mano.

L’opera è stata posizionata all’interno del grande chiostro settecentesco in modo che sia ben visibile da tutte le camere e dalle sale convegni circostanti.

alt
October 03, 2016

Dall’8 ottobre al 27 novembre 2016, ospiteremo la mostra “Rivus Altus” presso la Sala Tiziano del Centro Culturale Don Orione Artigianelli in Zattere Dorsoduro 909/A. In mostra sculture di Alberto Giacometti e dei Fratelli Boga insieme a un progetto fotografico di Massimiliano Farina.

La serie fotografica ricompone in modo inedito il panorama di Venezia più conosciuto al mondo: la vista dal Ponte di Rialto; Farina coglie questa eterogenea dimensione sensibile, catturando gli sguardi e le azioni delle persone che lo circondano.

Gli elementi presenti nell’installazione trovano un vero e proprio valore aggiunto grazie alla partecipazione di The Boga Foundation: la serie di sculture “Homini” dei Boga dialoga con gli elementi della mostra, concretizzando la relazione tra i visitatori e le persone ritratte.

Come tributo al 50esimo della scomparsa di Giacometti e in ricordo della sua partecipazione alla Biennale del 1956, saranno presente due sue opere appartenenti alla collezione di The Boga Foundation. L’eclettica creativa dei Boga trova infatti preziosa fonte di ispirazione dall’opera di Giacometti.

Il progetto “Rivus Altus” si compone così di due elementi distinti, in continuo dialogo tra loro: il panorama e i suoi osservatori.

La mostra è realizzata con il contributo di The Boga Foundation, il patrocinio del Comune di Venezia e dell’Università IUAV, comunicazione a cura di Vittorio Schieroni. http://www.ilpontedirialto.it

alt
October 01, 2016

L'autunno è un periodo meraviglioso per visitare Venezia: le folle dell'estate non ci sono più  e Venezia si mostra nella sua versione più autentica, la città quotidiana dei veneziani e ci sono ancora molte cose da vedere e da fare. Nella prima domenica di ottobre si festeggia la Festa del Mosto a Sant'Erasmo.

I visitatori e gli isolani possono degustare le primizie e  le specialità dell'isola. Il 7-9 ottobre torna il Festival dei Giardini,  un'occasione speciale per una passeggiata tra i colori oro-rosso-arancio dei giardini autunnali, spesso chiusi al pubblico. Migliaia i maratoneti iscritti alla Venicemarathon, il 23 ottobre partenza da Stra lungo la Riviera del Brenta, arrivo in Piazza San Marco. Da non perdere la Biennale Architettura (fino al 27 novembre) e i 500 anni del Ghetto di Venezia, le nuove mostre e le stagioni teatrali e musicali (consulta il Calendario degli eventi). Il 21 novembre si celebra la Festa della Madonna della Salute, con un ponte provvisorio sul Canal Grande per la Chiesa della Salute e cerimonie religiose. È una festa molto veneziana, ancora oggi vissuta da migliaia di persone che si recano in pellegrinaggio per rendere omaggio alla Vergine e accendere un cero, chiedendole di mantenerli in buona salute. La processione di fedeli passa davanti alle bancarelle che vendono dolciumi, palloncini colorati e giocattoli. Un menu tipico viene preparato solo per questa occasione.

In terraferma, nelle isole e nel centro storico sono moltissime le offerte di eventi per Le Città in Festa - Autunno. Se siete alla ricerca di nuove prospettive per scoprire la vera anima della città, l'autunno è la scelta migliore.

alt
September 05, 2016

Dal 02 al 30 settembre 2016, in occasione della XV edizione della Biennale di Architettura di Venezia, Il Centro Culturale Don Orione Artigianelli ospita una mostra personale dedicata all’artista trentino Paolo Tait, curata da Roberta Semeraro e organizzata dall’Associazione Culturale Ro.sa.m.

per informazioni: ufficio stampa 0415208493 oppure info@rosam.it

NEL CUORE DI VENEZIA

mappa-home