MERCATINI DI NATALE A VENEZIA

Il periodo natalizio è il più bello dell’anno, specialmente per i bambini, e trascorrerlo poi a Venezia aggiunge la magia di vivere la città nella sua dimensione più intima, più locale e, proprio per questo, insolita.

Il calendario delle Città in festa Natale offre una vasta e ricca scelta a grandi e piccoli fino all’Epifania.

Non perdete però i mercatini natalizi a Venezia e in tutta la Città Metropolitana! Dal Venezia Christmas Village in Campo Santo Stefano fino al 7 gennaio 2018

al Mercatino in Campo San Polo dal 7 Dicembre al 13 febbraio o il Mercatino dell’Antiquariato in Campo San Maurizio l’8,9,10 dicembre 2017. Dai Mercatini di Natale a Mestre fino al 30 dicembre 2017 al Jesolo Christmas Village fino al 7 gennaio 2018. Ecco una selezione scelta per voi!

Lo shopping artigianale è un’occasione imperdibile per offrirvi idee esclusive che si legano alla tradizione della città. My Christmas Venice propone nel sestiere di Dorsoduro l’autentica tradizione del Natale a Venezia tra musica, mercatini, workshop ed eventi per bambini.

Fonte “DeTourism”

MUSEI GRATUITI

La prima domenica di ogni mese è #DOMENICALMUSEO MUSEI GRATIS PER TUTTI nei musei statali in Italia. I musei statali di Venezia sono:

Una nostra selezione di musei e mostre a Venezia che puoi visitare gratuitamente a dicembre 2017:

VENEZIA IN INVERNO

“La luce invernale in questa città! Ha la straordinaria proprietà di esaltare il potere di definizione dell’occhio, portandolo a una precisione microscopica […] Il cielo è di un azzurro vivo; il sole scavalca la propria immagine dorata ai piedi di San Giorgio e va a danzare sopra le innumerevoli squame delle piccole onde che increspano la Laguna; […] E’ una luce privata la luce di Giorgione o del Bellini, non la luce del Tiepolo o del Tintoretto. E la città vi si crogiola, gustandone il tocco, la carezza dell’infinito dal quale essa è venuta”
Josef Brodskij – Fondamenta degli Incurabili (Adelphi)

Visitare Venezia d’inverno, cogliendone le atmosfere, le luci, i colori smorzati, gli odori, lo sciabordio dell’acqua, l’eco del rumore dei passi nell’unico periodo dell’anno in cui è possibile viverla senza i picchi turistici, potrà far scoprire una dimensione diversa, più intima e vera.

E allora perdetevi nel labirinto delle calli, rifugiatevi nei musei, gallerie, palazzi e chiese, ricercate le luci dei grandi pittori e vivete queste atmosfere magiche ed intime. Se poi la nebbia o l’acqua alta vi infreddoliscono, c’è sempre il profumo del caffé o dei cicchetti che vi indicano la strada per ristorarvi e riposarvi.

Fonte “DeTourism”

FESTA DELLA MADONNA DELLA SALUTE 21 NOVEMBRE 2017

Per i veneziani il 21 novembre è una data da festeggiare: è la Madonna della Salute, la festa più sentita, veramente veneziana, insieme al Redentore.
Ogni anno, in migliaia, i cittadini rinnovano la propria gratitudine alla Madonna,   recandosi in pellegrinaggio alla Basilica della Salute, che per l’occasione si può raggiungere anche da Campo Santa Maria del Giglio grazie a un ponte di barche che attraversa il Canal Grande.  Accendere ceri e pregare l’icona della Mesapanditta, è una tradizione che si ripete da quando la basilica  fu eretta su voto del doge Nicolò Contarini proprio per ottenere l’intercessione della Vergine e far cessare la terribile epidemia di peste che nel 1630 aveva colpito il Nord Italia, raccontata anche da Alessandro Manzoni nei Promessi sposi.
Solo in questi giorni dell’anno è possibile trovare la “Castradina S’ciavona” detta castradina de la Salute, di provenienza dalmata. Gli S’ciavoni furono gli unici che continuarono a rifornire la città durante l’epidemia. La carne di montone o castrato, affumicata e messa sotto sale è un cibo antico che i veneziani conoscevano già dalla fine del XII secolo, diventato piatto tradizionale della festa.

Fonte “DeTourism”

FESTA DI SAN MARTINO 11 NOVEMBRE 2017

La festa di San Martino è una delle più originali e sentite feste tradizionali veneziane. Per l’estate di San Martino e la sua festa è tradizione festeggiare con il dolce tipico di San Martino a cavallo. Nei campi, i bambini girano armati di pentole e coperchi, a “batter sanmartin” cantando una filastrocca, in cambio di dolci o monetine.

La Festa di San Martino è celebrata sia in terraferma che in città storica con molti eventi per i bambini e per le loro famiglie: animazioni, musica, laboratori, stand gastronomici mantengono viva la tradizione.

A Venezia due sono le chiese dedicate a San Martino. Perchè non visitarle proprio in quest’occasione?

Una si trova non lontano dall’Arsenale nel sestiere di Castello risale al 16° sec. su progetto di Jacopo Sansovino, l’altra sull’Isola di Burano dove è custodita una Crocifissione di Giambattista Tiepolo (1721 circa).

Fonte “DeTourism”